PARROCCHIA PURIFICAZIONE DI MARIA VERGINE

Via Visconti, 11 - 28040 Massino Visconti (NO)

Tel: 0322 219117

Il santuario

Su questo colle, detto in antico Biviglione (dalle grandi betulle) i religiosi che officiavano nell’abbazia di Massino iniziarono a costruire, a partire dall’XI secolo, una chiesa al Salvatore, alla quale si aggiunsero nel tempo altre strutture religiose. 
La piccola abbazia, localizzata presso l’attuale parrocchiale di Massino, decadde nel corso del Quattrocento e la ripresa di una vita monastica, sul colle San Salvatore, fu affidata ad altro ordine: gli Eremitani di Sant’Agostino.​

Frate Ippolito Campi di Milano, dell’Ordine degli Eremiti di S. Agostino dell’Osservanza, cominciò ad edificare questo luogo nell’anno 1499.

L’Ordine agostiniano coltivava una particolare devozione mariana: secondo una tradizione la Madonna avrebbe donato a s. Monica, madre di s. Agostino, la sua cintura.  Una statua della Madonna della Cintura fu così posta nella chiesa e, grazie all’avvio di questa pratica e alla presenza di ragguardevoli reliquie, i pellegrinaggi e la devozione al sacro luogo progredirono nel tempo.

Il Cristo pantocratore.

Nel XV secolo Lancillotto, dei Visconti feudatari di Massino, provvedeva a far affrescare, nell’abside della chiesa, il Cristo pantocratore circondato dai simboli degli evangelisti, con gli apostoli e due sante: Caterina e Maria Maddalena. 

Le edicole sul piazzale.

L’ininterrotta devozione verso questo monte è testimoniata anche da altre cappelle, sorte in epoche diverse sul vasto piazzale realizzato per comodo dei fedeli. Di arcaica struttura, con affreschi anteriori al 1456, è la cappella della Crocifissione, dov’è raffigurata anche la beata Panacea, la pastorella martire di Quarona.